CROSTATA MORBIDA CON MOUSSE DI PISTACCHI

CROSTATA MORBIDA

La crostata morbida è una semplice base per torte, con un incavo, in cui mettere ogni tipo di farcia. Si possono, infatti, realizzare tutte le farce solitamente usate per la classica crostata in pasta frolla. Comprese quelle di frutta.

In questo caso, la base è al cacao, con una bagna al rum. Se destinata ai bambini, la bagna può essere fatta con latte e cacao.

Per ottenere il vano, nella base, è necessario usare lo stampo furbo. Si tratta di una teglia, avente all’interno uno spessore, con un bordo incavato.

Veloce da realizzare e buonissima nella sua semplicità.

OCCORRENTE: Stampo Furbo o a Cerniera

INGREDIENTI PER UNO STAMPO CON DIAMETRO DI 24 CM:

2 Uova

100 gr di Zucchero

60 ml Olio di Semi

100 ml Latte

130 gr Farina

30 gr Cacao amaro in polvere

8 gr Lievito per dolci

1 Bustina di Vanillina

1 Pizzico di sale

Burro q.b. Per imburrare la teglia

PER LA FARCIA:

300 ml Panna fresca (banco frigo)

80 gr Zucchero a velo

1 Foglio di gelatina (2 gr)

40 gr Pasta o crema di Pistacchi

PER DECORARE:

100 gr Granella di Pistacchio

Cioccolato Fondente in scaglie q.b.

PER LA BAGNA:

50 ml Acqua

50 gr Zucchero

10 ml Rum

PROCEDIMENTO:

In una ciotola, sbattiamo le uova con lo zucchero, fino a renderle spumose, con una frusta a mano o elettrica. Io, ho usato quella a mano perché si lavora bene, essendo un quantitativo minimo di ingredienti.

Uniamo anche l’olio ed il latte e mescoliamo

A questo punto, versiamo la farina setacciata ed incorporiamola energicamente, al composto. Quando sarà ben amalgamata, facciamo la stessa cosa con il cacao, anch’esso setacciato .

Ora aggiungiamo il pizzichino di sale e mescoliamo. Per ultimo uniamo il lievito e la vanillina.

Ungiamo, con il burro, lo stampo e spolverizziamolo con la farina. Versiamo il composto nello stampo ed inforniamo, per circa 30 minuti, a 180° in forno statico preriscaldato.

Prima di sfornare, facciamo la prova stecchino, che, una volta estratto, dovrà risultare asciutto.

Lasciamo raffreddare.

Mentre la base raffredda, prepariamo la mousse:

Mettiamo in ammollo la gelatina, in acqua fredda per circa 10 minuti.

Mentre la gelatina si reidrata , prepariamo la bagna:

portiamo a bollore l’acqua con lo zucchero, mescolando, a fuoco basso.. Dal bollore lasciamolo ancora un minuto sul fuoco, poi, trasferiamo lo sciroppo ottenuto, in una ciotolina. Lasciamo intiepidire ed uniamo il rum.

Togliamo dallo stampo la base della crostata e, bagniamola, secondo nostro gusto, con la bagna al rum.

Strizziamo il foglio di gelatina e sciogliamolo a fuoco bassissimo, con 3 cucchiai di panna. Ci vorranno pochi secondi.

Montiamo la restante panna, che dovrà essere molto fredda di frigo, con lo zucchero a velo. Una volta montata, uniamo la panna contenente la gelatina, e proseguiamo ancora qualche secondo con le fruste. Aggiungiamo la pasta di pistacchio ed incorporiamola a mano, delicatamente, con movimenti che vanno dal basso verso l’alto.

Non avendo trovato la pasta al pistacchio, ho frullato 60 gr di pistacchi, con un cucchiaio di olio di semi, fino a ridurli in crema. Durante l’operazione, mi sono fermata spesso, per evitare di surriscaldare il motore del frullatore. Il risultato è stato ottimo ma, aggiunto alla panna, il colore è stato molto meno intenso. Avrei potuto aggiungere qualche goccia di colorante alimentare verde, ma ho preferito lasciarla così.

Versiamo la mousse, nell’incavo della torta, e livelliamo con l’aiuto di una spatola. Poniamo in frigo per almeno 3 ore.

Trascorso il tempo di riposo in frigo, riprendiamo la crostata e decoriamola con la granella di pistacchi e le scaglie di cioccolato.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 20200718_161703-1024x1006.jpg

Se non abbiamo lo stampo furbo, utilizziamone uno a cerniera. Usiamo lo stesso procedimento, senza togliere la torta dallo stampo, se non quando la mousse sarà addensata (dopo circa 3 ore di frigo)

CROSTATA MORBIDA CON MOUSSE DI PISTACCHIultima modifica: 2020-07-21T16:53:26+02:00da prontintavola
Reposta per primo quest’articolo

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.